Aforismi freak

Roberto Antoni
Roberto Antoni

Gli aforismi di Roberto Antoni, scomparso prematuramente, dopo la prima risata, rivelano una profondità che li rende attuali ancora oggi. Ha fatto molto più lui per sovvertire e capovolgere luoghi comuni di quanto non abbia fatto un’altra colonna del DAMS bolognese, Umberto Eco. Il semiologo ha solo teorizzato la commistione tra alto e basso, finendo col tempo per schierarsi con la più fastidiosa aulicità autoreferenziale. Antoni ha davvero abbattuto le pareti tra high e low brow, spianando la strada a chi è venuto dopo. Senza di lui, sarebbe stato tutto più difficile.

 

La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo.

Il sesso è peccato… farlo male.

Si dice che una volta toccato il fondo non puoi che risalire. A me capita di cominciare a scavare.

Toccatevi, perché l’amore è cieco.

A volte il fumo è molto meglio dell’arrosto.

Dio c’è ma ci odia!

Se uno si impegna, può stare male ovunque.

Fai bene a lasciarmi, anch’io fossi in me mi lascerei.

Nella vita è importante che gli altri ti vengano incontro, così sai da che parte spostarti.

Se sei muto ridi con gli occhi, se sei cieco ridi con la bocca. Se sei muto e cieco c’è ben poco da ridere.

Mangiate merda: miliardi di mosche non possono avere torto!

Se c’è una cosa che non sopporto è la presunzione di chi crede di essere migliore di me.

ROBERTO FREAK ANTONI

 

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche Altri di autore