STORIE DA INDOSSARE

Cinque fotografe per un “Soggetto nomade”. Sguardi al femminile a Palermo

CENTRO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA, PALERMO – FINO AL 22 SETTEMBRE 2019. DOPO IL DEBUTTO AL MUSEO PECCI DI PRATO, UN’INTENSA MOSTRA RACCONTA A PALERMO TRENT’ANNI DI MUTAMENTI SOCIALI E CULTURALI, IN UN’ITALIA IMMORTALATA DA CINQUE GRANDI FOTOGRAFE. TRA FEMMINISTE E ICONE DEL CINEMA, UNA CARRELLATA DI FACCE NOTE O COMUNI, INDAGANDO L’IDENTITÀ FEMMINILE CONTEMPORANEA.

Cristiana Perrella, curatrice della mostra

Inquieto, proteiforme, aperto alle differenze: nella sfida del nomadismo c’è l’antidoto a un’idea di potere come vincolo e stereotipo, esercizio coercitivo tra il corpo e l’immaginazione. Il principio di libertà si declina qui sul piano del diritto e lungo le geografie del desiderio. Ed è intorno a questo Soggetto nomade – femminile ma non solo, singolare e plurale, identitario e ribelle – che Cristiana Perrella ha costruito una bella mostra, presentata al Pecci di Prato e poi al Centro Internazionale di Fotografia di Palermo.
Identità femminile e ricerca artistica, tra il 1965 e il 1985, per cinque autrici e un centinaio di fotografie in bianco e nero. Tra la folla di ritratti emerge il volto di un’Italia che cambia a suon di lotte per l’emancipazione sociale, culturale, sessuale, per la consapevolezza dei corpi, tra volontà, rispetto e piacere, per la partecipazione civile, l’accesso al lavoro e all’istruzione, e contro il sistema mafioso o il dominio patriarcale. E la fotografia, in questa storia collettiva di turbamenti e di conquiste, è testimonianza bruciante, erranza del margine, strategia del proibito e del candore.

Paola Agosti, Roma, 8 marzo 1977 © Paola Agosti
Paola Agosti, Roma, 8 marzo 1977 © Paola Agosti

STORIE DI RISCATTI E DI RIVENDICAZIONI

Dai travestiti su cui Lisetta Carmi posò il suo sguardo umano ma non compassionevole, curioso e privo di forzature, dissolvendo il giudizio morale nella gioiosa simmetria fra erotismo e quotidiano, fino alle donne e le bambine di una Sicilia che Letizia Battagliaimmortalò, con la sua miscela di ferocia e tenerezza, negli anni della mafia al potere, dei manicomi appena chiusi, delle scintille e delle miserie urbane. Ci sono gli scatti di Paola Agosti, che documentò dibattiti, sit-in e cortei dei movimenti femministi, raccogliendo voci e visi di donne che avevano fatto la Resistenza, operaie, contadine, le figlie e le madri, generazioni dialetticamente coese nella volontà crescente di rivendicazione; e poi i volti di attrici, artiste, scrittrici, che Elisabetta Catalano contribuì a consacrare nel firmamento delle moderne icone, unendo la forza del glam al magnetismo intellettuale. Infine, con Marialba Russo, i maschi truccati e abbigliati da femmine durante il carnevale campano, nel gioco di una virilità sospesa per un giorno solo, scivolando impercettibilmente verso un doppio così vicino, così lontano.

Lisetta Carmi, I Travestiti, 1965 © Lisetta Carmi. Courtesy Galleria Martini & Ronchetti
Lisetta Carmi, I Travestiti, 1965 © Lisetta Carmi. Courtesy Galleria Martini & Ronchetti

La fotografia”, scriveva Carmi, “mi è servita per capire chi ero io e chi sono gli altri. Non esistono comportamenti obbligati se non in una tradizione autoritaria che ci viene imposta”. Ancora il potere al centro del discorso antropologico ed esistenziale. Ancora la fotografia come dispositivo plurale, con cui rubare storie da indossare e da collezionare, liberamente. Le rotte sono quelle nomadi della contestazione e della riscrittura di sé, fra il tempo che si fa istantanea implacabile e il mondo intorno che continua a cambiare.

Elisabetta Catalano, Laura Antonelli sullo sfondo “The End”opera di Fabio Mauri, anni ‘70 © Elisabetta Catalano. Courtesy Archivio Elisabetta Catalano
Elisabetta Catalano, Laura Antonelli sullo sfondo “The End”opera di Fabio Mauri, anni ‘70 © Elisabetta Catalano. Courtesy Archivio Elisabetta Catalano
Letizia Battaglia, Geraci Siculo , 1980
Letizia Battaglia, Geraci Siculo , 1980
Letizia Battaglia, La bambina con il pallone, quartiere la Cala, Palermo , 1980
Letizia Battaglia, La bambina con il pallone, quartiere la Cala, Palermo , 1980
Lisetta Carmi, I Travestiti, la Gilda, 1965 71 © Lisetta Carmi. Courtesy Galleria Martini & Ronchetti
Lisetta Carmi, I Travestiti, la Gilda, 1965 71 © Lisetta Carmi. Courtesy Galleria Martini & Ronchetti
Marialba Russo, Travestimento, 1975-80
Marialba Russo, Travestimento, 1975-80
Paola Agosti, Roma, 25 aprile 1976. Tullia Todros all'incontro nazionale collettivi femministi sui consultori © Paola Agosti
Paola Agosti, Roma, 25 aprile 1976. Tullia Todros all’incontro nazionale collettivi femministi sui consultori © Paola Agosti

Articolo di Helga Marsala -Tratto dal sito Artribune.com. (http://www.artribune.com). In copertina una foto di Marialba Russo: Travestimento del 1977

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche Altri di autore