IL VIRUS CHIEDE PACE

“Più longevi e al sicuro, ma anche più impauriti dal Covid”. Parla il filosofo francese Jean-Loup Bonnamy

Immagine di una coppia al St.Jude Medical Center di Fullerton, California

Ci sono cinque zone di quarantena fra qui e Mosca e in ciascuna dovrei restarci quattordici giorni”. Quando Jean-Loup Bonnamy ha letto queste parole di Alexander Pushkin scritte nel 1830 e ha visto che duecento anni dopo, nell’era dei Big data, in tutti i paesi europei contro il Covid veniva utilizzato a ripetizione lo stesso confinamento contro il colera descritto da Pushkin e da Jean Giono nell’“Ussaro sul tetto”, ha capito che c’era qualcosa che non andava. Anziché separare i malati dai sani, stavamo trasformando le nostre società in gigantesche Diamond Princess, la nave da crociera giapponese dove sono state contagiate 712 persone. E’ illusorio e irrealistico pensare di controllare con quarantene cicliche la circolazione di un virus respiratorio in un paese di sessanta milioni di persone. “Sarebbe come cercare di prevenire i terremoti”, ci spiega il filosofo e saggista francese che, assieme al reporter del Figaro Renaud Girard, ha scritto per Gallimard il libro “Quand la psychose fait dérailler le monde”.

Jean Loup Bonnamy (a sinistra)

I paesi che hanno conosciuto le quarantene da primavera (Spagna, Italia, Francia, Belgio, Regno Unito…) hanno registrato il numero di morti più alto. Al contrario, la Germania, che ha scelto il confinamento più flessibile ma uno screening massiccio e un’alta qualità delle cure, ha sei volte in meno di morti per abitante. I paesi asiatici che scelgono di screening e isolamento dei pazienti registrano pochissimi decessi (7 a Taiwan, 529 in Corea del sud, 110 a Hong Kong). “La mortalità da Covid è molto bassa: 0,5 per cento. Involontariamente, un esperimento medico ha avuto luogo con cavie umane in uno spazio chiuso. La Charles-de-Gaulle, la più grande nave della marina francese, tornata in porto con 1.046 marinai infetti. Zero morti. L’età media dei deceduti a causa del Covid è di 81 anni in Francia, che corrisponde all’aspettativa di vita. Nel caso del Lussemburgo, è addirittura di quattro anni superiore all’aspettativa di vita, 86 anni per le vittime di Covid e 82 anni per la vita media. In Francia il 50 per cento delle vittime ha più di 84 anni, l’80 per cento più di 75 anni, il 93 per cento più di 65 anni. Su 50 mila morti, solo 28 erano sotto i trent’anni e la stragrande maggioranza di questi sfortunati era affetta da gravi patologie. Ricordiamoci che nell’inverno 1968-1969, quando eravamo già un paese moderno, l’influenza di Hong Kong uccise un milione di persone, di cui 35 mila in Francia. Non furono prese misure speciali. Tutta l’attenzione dei media dedicata a quella epidemia per tre mesi fu di gran lunga inferiore a quella data al Covid dai nostri media in un solo giorno. Siamo in piena reazione eccessiva al Covid e questo può essere spiegato dagli sviluppi antropologici nelle società occidentali”.

E’ il virus di un mondo in pace. “Tutto spaventa gli occidentali, una popolazione ricca e che invecchia”, dice Bonnamy. “Che divario tra la nostra reazione al Covid e il generale Bonaparte che, durante la spedizione in Egitto, radunò il suo esercito e toccò i malati di peste per rassicurare i soldati”. Che è successo? “Dagli anni Sessanta, in occidente, è apparso un fenomeno completamente nuovo: l’aumento senza precedenti del tenore di vita.

Antoine-Jean_Gros_-_Bonaparte_visita gli appestati a Jaffa

La pace ha sostituito la guerra. La fame è scomparsa e ha lasciato il posto a un’abbondanza senza precedenti. La vita dei nostri antenati, contadini che lavoravano all’aria aperta sotto la pioggia o il sole cocente, è scomparsa. Asepsi, antisepsi, alimentazione, vaccinazioni, antibiotici sono stati una combinazione vincente per ridurre le epidemie. La televisione e il frigorifero sono comparse nelle case. La mortalità infantile è stata praticamente azzerata dal 1950. Se li confrontiamo con ciò che erano un secolo fa, i tassi di suicidio e omicidio sono diminuiti drasticamente. E possiamo solo rallegrarci”.

Ma questo straordinario benessere ci ha indebolito. “Come possiamo immaginare che appena un secolo fa i nostri antenati furono in grado di combattere per dieci mesi l’incredibile battaglia di Verdun? 362 mila soldati vi persero la vita, di cui 150 mila francesi. Il solo primo giorno di battaglia è costato al nostro esercito diverse migliaia di vite. Come possiamo pensare che sessantasei anni fa, durante la guerra d’Indocina, i giovani francesi guadavano il Dien Bien Phu? Quello che sapevano sull’Asia non era un coronavirus che uccide meno dello 0,5 per cento dei contagiati, ma la dissenteria nei campi di prigionia del Viet Minh. Il 70 per cento di loro è morto in quattro mesi. Se ci vedessero terrorizzati dal coronavirus, sarebbero sorpresi”.

Immagine di trincea nella battaglia di Verdum

L’Asia, dicevamo, ha surclassato l’occidente contro il Covid. “I paesi asiatici che hanno scelto lo screening di massa, il tracciamento, l’isolamento e il trattamento dei pazienti e hanno molti meno decessi rispetto ai paesi europei. A Taipei i ristoranti non hanno mai chiuso. Piuttosto che adottare questo modello efficiente e rispettoso delle libertà, abbiamo preferito adottare la strategia della Cina, un paese totalitario”. Bonnamy dice che i paesi europei sono in recessione da anni e che il Covid ha accelerato la deoccidentalizzazione. “Dobbiamo affrontare la verità: la Corea, che nel 1950 era un paese del Terzo mondo, più povero di molti paesi africani, è oggi un paese sviluppato. Francia e Italia non lo sono più. Dietro le illusioni del pil, abbiamo perso la vera ricchezza. Come sottolinea l’antropologo Emmanuel Todd nel suo nuovo libro, quando torni dalla Corea, dal Giappone, dalla Germania o dalla Scandinavia e arrivi in Francia, sei colpito dalla regolarità degli incidenti o dei guasti ferroviari. Disfunzioni tipiche dei paesi sottosviluppati. La strategia vincente della Corea contro il coronavirus prevede test massicci: individuare quante più persone infette possibile, curarle, isolarle. In Corea, sei sottoposto a test anche se non hai sintomi. In Francia, a marzo-aprile, anche se si presentavano tutti i sintomi era molto difficile essere sottoposti a test, perché i mezzi erano insufficienti”. E non è solo di fronte al coronavirus che i coreani ci stanno surclassando. “Il nostro paese si sta deindustrializzando mentre la Corea mostra grandi successi industriali. I giovani sudcoreani superano i bambini francesi nei test scolastici. Un insegnante coreano è pagato il doppio della controparte francese e l’indisciplina non è tollerata nelle aule dei paesi asiatici. Organizzata su base quotidiana, più funzionale, più efficiente, più industrializzata, con una migliore logistica, la Corea del sud sta riuscendo a gestire la crisi del coronavirus. Lo stesso vale per Taiwan, che è allo stesso tempo moderna, democratica e preparata al rischio di disastri naturali e in uno stato di guerra permanente con la Cina. Troppo abituate al tempo di pace, le amministrazioni francese e italiana, molto burocratiche, non sono state in grado di far fronte alla crisi e all’imprevisto”.

Diamo uno sguardo anche alle capacità ospedaliere. “La Francia può fornire sei posti letto ogni mille abitanti, rispetto ai nove del 1996, una diminuzione del 30 per cento. Al contrario, la Corea ha un rapporto di 14 a mille, una cifra che è costantemente aumentata poiché è aumentata di sette volte in trent’anni. I coreani hanno quindi 2,3 volte più letti d’ospedale pro capite rispetto ai francesi. Un altro dato allarmante: a marzo la Francia aveva solo cinquemila posti letto dotati di ventilatore, la Germania ne ha 25 mila. A gennaio, mille medici, di cui seicento capi reparto, avevano simbolicamente presentato le dimissioni per protestare contro la mancanza di risorse”.

Ma quando gli ospedali si riempiono, come in Francia e in Italia, che alternativa c’è alla quarantena? “Di fronte al Covid, ci sono strategie sanitarie alternative concrete, ispirate a ciò che ha funzionato all’estero, più efficaci nell’alleviare la congestione negli ospedali e salvare vite umane e più rispettose dell’economia, della coesione sociale e della libertà. Da un lato, c’è un’urgente necessità di aumentare la capacità ospedaliera. Dobbiamo mobilitare l’esercito, cliniche private, medici e infermieri andati in pensione. Abbiamo bisogno di più letti di terapia intensiva. Lo screening di massa è necessario sul posto di lavoro, nelle case di cura, nelle farmacie… Le persone a rischio – identificate grazie ai Big data – devono essere sottoposte a screening due volte a settimana con test antigenici. Se sei malato, devi essere isolato in un hotel, come fa la Corea. Con un metodo del genere eviteremmo il confinamento, salveremmo l’economia e avremmo molti meno morti”.

“Che direbbe di noi Napoleone che, nella campagna d’Egitto, toccava i malati di peste per rassicurare i soldati? I paesi asiatici hanno fatto molto meglio di noi. La Corea era più povera dell’Africa, oggi è più moderna dei paesi europei. I terroristi islamici ridono di noi e del coronavirus. Dobbiamo far sì che l’efficienza non sia sinonimo di debolezza, ma di forza. Ci riteniamo superiori alle altre civiltà, ma altrove a nessuno verrebbe mai in mente di lasciar morire da soli i propri anziani”

E’ preoccupante che una malattia simile possa è paralizzare l’occidente per un anno. “Cosa faremo quando dovremo affrontare una nuova malattia altrettanto contagiosa ma con una letalità molto più elevata del 20 o 40 per cento? Il professore di Virologia al Collège de France, Hervé Fleury, ritiene che sia del tutto possibile che in futuro ci troveremo di fronte a pandemie con una mortalità del 50 per cento. Ma la cosa più spaventosa è che il nostro modo di vivere ci lascia impotenti di fronte ai nostri nemici. Non solo ci manca l’energia per combatterli, ma ancora più importante, il nostro universo mentale è diventato così diverso dal loro che non possiamo più nemmeno capirne le motivazioni.

Ad esempio, i jihadisti non condividono la nostra visione del mondo. Il nigeriano Boko Haram o i talebani afghani ridono del coronavirus. Per loro, il pericolo di malaria, tubercolosi o lesioni curate male è molto maggiore. Sono indifferenti ai valori che veneriamo: mercato, diritti umani o principio di precauzione. A questo oppongono tradizione, solidarietà di clan, religione e violenza, cioè cose che sono state al centro della vita sin dall’alba dei tempi, ma che tuttavia, da quattro decenni, sono apparse sempre più sfocata per l’uomo occidentale. I jihadisti saheliani hanno approfittato del Covid per intensificare gli attacchi. Allo stesso modo, a marzo-aprile, gli attacchi hanno ripreso ad aumentare in Iraq, Siria e Afghanistan. Se non vogliamo essere distrutti dai nostri nemici, faremmo bene a prendere coscienza di questo divario e immaginare un nuovo modello di società in cui l’efficienza politica, economica, scientifica, tecnica e medica non è più necessariamente sinonimo di indebolimento, ma di determinazione. Dobbiamo uscire dalla dittatura dell’emozione e dal principio di precauzione. Le decisioni politiche devono essere prese sulla base di un razionale equilibrio costi e benefici”.

Parigi, Jardin des Plantes

E’ stato detto da molti in Francia che la fatica da Covid deriva anche dalla scristianizzazione. “E’ innegabile che la scristianizzazione, più estesa in Francia che in Italia, ci abbia notevolmente indeboliti”, ci dice Bonnamy. “Con questa crisi, ci siamo trovati minacciati da un pericolo morale, quello della barbarie. Il confinamento ha rivelato la crisi di valori che sta colpendo la società. Subito dopo l’ondata di caldo dell’estate 2003, che ha fatto 15 mila vittime in due settimane, il mio coautore, Renaud Girard, ha scritto un editoriale sul Figaro dal titolo ‘barbarie française’. La barbarie di una società individualista, materialista, che ha abbandonato i legami sociali e familiari e la solidarietà al punto da far morire di caldo gli anziani, affinché i giovani potessero godersi la spiaggia. Nella crisi attuale, abbiamo visto emergere la stessa barbarie. E questa barbarie era tanto più grave in quanto talvolta risultava dalle direttive ufficiali. Nelle case di cura, a causa delle misure di reclusione, ai figli è stato impedito di vedere i genitori. Molti anziani sono morti nella solitudine, mancanza di cure, atrofia muscolare causata dalla mancanza di attività fisica e forse anche dalla fame. Il 12 aprile, la tv belga Rtl Info ha trasmesso uno spaventoso servizio sulla casa di cura al Jardin des Plantes, quinto arrondissement di Parigi. Abbiamo visto persone anziane abbandonate e prive delle cure più elementari. Abbiamo visto cadaveri rimanere diversi giorni nelle stanze. Abbiamo lasciato morire alcuni dei nostri anziani con il pretesto di salvarli. La civiltà individualista occidentale sbaglia a credersi moralmente superiore alle civiltà africane e orientali, dove non verrebbe mai in mente a nessuno di abbandonare i genitori anziani. In ospedale, molte persone sono morte nel più spaventoso isolamento, poiché la famiglia e gli amici non potevano stare al capezzale. Allo stesso modo, ai parenti è stato vietato per settimane di vedere i corpi dei defunti o di assistere ai funerali. Tutto ciò è barbaro, contrario alla dignità umana e viola i più fondamentali principi antropologici. Dovremmo, ad esempio, impedire ai genitori di vedere il corpo del figlio morto a causa di una malattia che uccide meno dello 0,5 per cento?”.

Nel suo romanzo “Lo straniero”, Albert Camus ha scritto che l’uomo che non piange al funerale della madre getta sospetto sull’intera comunità. “Nella nostra nuova società, egoista e ossessionata dal ‘principio’ di precauzione, l’inversione dei valori è tale che il sospettato è ora colui che compie i riti umani più antichi: assistere i morenti e seppellire i morti. La sorte di Antigone di Sofocle, condannata per aver sepolto il fratello, non ci sembra più così estranea”. Allo stesso modo, la crisi ha rivelato un altro paradosso. “Investiamo sempre di più nell’istruzione, ma le scuole e gli insegnanti non sono al centro del processo educativo. Sono stati sollevati dal lavoro per mesi, come se l’educazione non fosse più considerata un’esigenza vitale. La scuola non è più sacra. In Francia, durante la Seconda guerra mondiale, la scuola non è mai stata interrotta. Nel giugno 1944, nonostante le bombe, gli esami di maturità si tennero in Normandia. L’istruzione era sacra. Non lo è più. E’ ora che l’occidente metta in discussione la sua crisi morale se non vuole sprofondare ancora di più in questa nuova barbarie”.

Articolo di Giulio Meotti per il Foglio Quotidiano