TIM, IL FUTUROLOGO

UN’AGENDA PER IL FUTURO DEL CEO DI APPLE AL MIT E A STANFORD

k

Tim Cook con Steve Jobs, cofondatore e amministratore delegato di Apple fino all’agosto 2011, in una foto del 2007 ( Ansa)

… Sono davvero felice di essere qui. Oggi si tratta di festeggiare. E voi avete così tanto di cui essere orgogliosi. Mentre uscite da qui per iniziare la prossima tappa del vostro viaggio nella vita, ci saranno giorni in cui vi chiederete: “Dove sta andando tutto questo?”. “Qual è lo scopo?”. “Qual è il mio scopo?”. Sarò onesto, mi sono posto la stessa domanda e ci sono voluti quasi 15 anni per rispondere. Forse oggi, parlando del mio viaggio, posso aiutarvi a risparmiare del tempo.

La lotta per me è iniziata presto. Al liceo, pensavo che avrei scoperto lo scopo della mia vita quando avrei potuto rispondere alla vecchia domanda: “Cosa vuoi fare da grande?”. No. All’università pensavo che l’avrei scoperto quando avrei potuto rispondere: “Qual è la tua specializzazione?”. Non proprio. Pensavo che forse l’avrei scoperto quando avrei trovato un buon lavoro. Poi ho pensato che dovevo solo ottenere qualche promozione. Neanche questo ha funzionato.

Continuavo a convincermi che era appena oltre l’orizzonte, dietro il prossimo angolo. Niente ha funzionato. E questo mi stava davvero distruggendo. Una parte di me continuava a spingere in avanti verso il prossimo traguardo. E l’altra parte continuava a chiedersi: “E’ tutto qui?”. Ho frequentato la scuola di specializzazione alla Duke per cercare la risposta. Ho provato la meditazione. Ho cercato una guida nella religione. Ho letto grandi filosofi e autori. E in un momento di indiscrezione giovanile, potrei anche aver sperimentato un PC Windows, e ovviamente non ha funzionato.

Dopo innumerevoli colpi di scena, finalmente, 20 anni fa, la mia ricerca mi ha portato alla Apple. All’epoca, l’azienda stava lottando per sopravvivere. Steve Jobs era appena tornato alla Apple e aveva lanciato la campagna “Think Different”. Voleva dare il potere ai pazzi – i disadattati, i ribelli e i piantagrane, – di fare il lavoro migliore. Se solo riuscissimo a fare questo, Steve sapeva che avremmo potuto davvero cambiare il mondo.

Stanford University

Prima di quel momento, non avevo mai incontrato un leader con tanta passione o un’azienda con uno scopo così chiaro e convincente: servire l’umanità. Era così semplice. Servire l’umanità. Ed è stato in quel momento, dopo 15 anni di ricerca, che qualcosa è scattato. Mi sono finalmente sentito allineato. Allineato con un’azienda che metteva insieme un lavoro stimolante e all’avanguardia con uno scopo più alto. Allineato con un leader che credeva che la tecnologia che non esisteva ancora potesse reinventare il mondo di domani. Allineato con me stesso e il mio profondo bisogno di servire qualcosa di più grande.

Naturalmente, in quel momento non sapevo tutto questo. Ero solo grato di essermi tolto un peso psicologico. Ma con l’aiuto del “senno di poi”, la mia svolta ha molto più senso. Non avrei mai trovato il mio scopo personale lavorando in un posto che non avesse chiaro il proprio scopo. Steve e la Apple mi hanno liberato per gettare tutto me stesso nel mio lavoro, per abbracciare la loro missione e farla mia. Come posso servire l’umanità? Questa è la domanda più grande e importante della vita. Quando lavori per qualcosa di più grande di te stesso, trovi il significato, trovi lo scopo. Quindi la domanda che spero vi porterete da qui in avanti è: come posso servire l’umanità?

La buona notizia è che, visto che siete qui oggi, siete sulla buona strada. Al Mit avete imparato quanto potere hanno la scienza e la tecnologia per cambiare il mondo in meglio. Grazie alle scoperte fatte proprio qui, miliardi di persone stanno conducendo una vita più sana, più produttiva e più soddisfacente. E se mai riusciremo a risolvere alcuni dei problemi più difficili che il mondo sta affrontando oggi, dal cancro al cambiamento climatico alla disuguaglianza nell’istruzione, sarà stata la tecnologia che ci avrà aiutato a farlo. Ma la tecnologia da sola non è la soluzione. E a volte è anche parte del problema.

L’anno scorso ho avuto la possibilità di incontrare Papa Francesco. E’ stato l’incontro più incredibile della mia vita. Questo è un uomo che ha passato più tempo a confortare gli infermi nelle baraccopoli che con i capi di stato. Potrebbe sorprendervi, ma aveva una conoscenza incredibile in fatto di tecnologia. Era ovvio per me che ci aveva pensato profondamente. Le sue opportunità. I suoi rischi. La sua moralità. Quello che mi ha detto in quella riunione, quello che ha predicato, in realtà, era su un argomento che ci interessa molto alla Apple. Ma ha espresso una preoccupazione condivisa in un modo nuovo e potente: mai l’umanità ha avuto un tale potere su se stessa, eppure nulla garantisce che sarà usato saggiamente, ha detto.

Massachusetts institute of technology MIT

La tecnologia oggi è parte integrante di quasi tutti gli aspetti della nostra vita e la maggior parte delle volte è una forza a favore del bene. Eppure le potenziali conseguenze negative si stanno diffondendo più velocemente e tagliano più in profondità. Le minacce alla sicurezza, le minacce alla privacy, le fake news e i social media che diventano antisociali. A volte la stessa tecnologia che dovrebbe connetterci ci divide. La tecnologia è capace di fare grandi cose. Ma non vuole fare grandi cose. Non vuole niente. Questa parte riguarda invece tutti noi. Ci vogliono i nostri valori e il nostro impegno verso le nostre famiglie e i nostri vicini, le nostre comunità, il nostro amore per la bellezza e la convinzione che tutte le nostre fedi sono interconnesse, la nostra decenza, la nostra gentilezza.

Non mi preoccupa che l’intelligenza artificiale dia ai computer la capacità di pensare come gli umani. Mi preoccupa di più che le persone pensino come computer senza valori o compassione, senza preoccuparsi delle conseguenze. Per difenderci da tutto questo, abbiamo bisogno del vostro aiuto. Perché se la scienza è una ricerca nell’oscurità, le scienze umane sono una candela che ci mostra dove siamo stati e il pericolo che ci aspetta.

Come disse una volta Steve, la tecnologia da sola non basta. E’ la tecnologia sposata con le arti liberali, sposata con le scienze umane che fa cantare i nostri cuori. Tenere le persone al centro di ciò che fai può avere un impatto enorme. Significa un iphone che permette a un cieco di correre una maratona. Significa un Apple Watch che cattura un problema cardiaco prima che diventi un attacco di cuore. Significa un ipad che aiuta un bambino con autismo a connettersi con il suo mondo. In breve, significa tecnologia infusa con i tuoi valori, rendendo il progresso possibile per tutti.

Qualsiasi cosa facciate nella vostra vita, e qualsiasi cosa facciamo alla Apple, dobbiamo infondere in tutto questo l’umanità con cui ognuno di noi è nato. Questa responsabilità è immensa, ma lo è anche l’opportunità. Sono ottimista perché credo nella vostra generazione, nella vostra passione, nel vostro viaggio per servire l’umanità. Contiamo tutti su di voi. C’è così tanto là fuori che è all’opera per rendervi cinici. Internet ha permesso così tanto e ha dato potere a molti, ma può anche essere un luogo dove le regole di base della decenza vengono sospese e la meschinità e la negatività prosperano.

Non lasciate che questo rumore vi porti fuori strada. Non fatevi prendere dagli aspetti banali della vita. Non ascoltate i troll e, per l’amor di Dio, non diventatelo. Misurate il vostro impatto sull’umanità non nei like, ma nelle vite che toccate; non nella popolarità, ma nelle persone che servite. Ho scoperto che la mia vita è diventata più grande quando ho smesso di preoccuparmi di ciò che gli altri pensavano di me. Scoprirete che lo farà anche la vostra. Rimanete concentrati su ciò che conta veramente. Ci saranno momenti in cui la vostra determinazione a servire l’umanità sarà messa alla prova. Siate preparati. La gente cercherà di convincervi che dovreste tenere la vostra empatia fuori dalla vostra carriera. Non accettate questa falsa premessa.

Durante una riunione degli azionisti qualche anno fa, qualcuno ha messo in discussione gli investimenti e l’attenzione di Apple per l’ambiente. Mi chiese di promettere che Apple avrebbe investito solo in iniziative verdi che potevano essere giustificate con un ritorno sugli investimenti. Ho cercato di essere diplomatico. Ho fatto notare che Apple fa molte cose, come le funzioni di accessibilità per i disabili, che non si basano su un “Return on investment”. Facciamo quelle cose perché sono giuste da fare, e proteggere l’ambiente è un esempio fondamentale. Non voleva lasciar perdere e mi sono infiammato. Così gli ho detto: “Se non puoi accettare la nostra posizione, non dovresti possedere azioni Apple”.

Quando siete convinti che la vostra causa sia giusta, abbiate il coraggio di prendere posizione. Se vedete un problema o un’ingiustizia, sappiate che non ci sarà nessun altro a risolverla a parte voi. Mentre andate avanti oggi, usate le vostre menti, le vostre mani e i vostri cuori per costruire qualcosa di più grande di voi stessi. Ricordate sempre che non c’è ideale più grande di questo. Come disse il dottor Martin Luther King: “Tutta la vita è interconnessa. Siamo tutti legati insieme nell’unica del destino”. Se mantenete questa idea in primo piano in tutto ciò che fate, se scegliete di vivere le vostre vite in quell’intersezione tra la tecnologia e le persone che questa serve, se vi sforzate di creare il meglio, dare il meglio, fare il meglio per tutti, non solo per alcuni, allora oggi tutta l’umanità ha buoni motivi per sperare.

Laureati, questo è il vostro giorno. Ma non siete arrivati qui da soli. La famiglia e gli amici, gli insegnanti, i mentori, le persone care e, naturalmente, i vostri genitori, hanno tutti lavorato insieme per rendervi possibile e oggi condividono la vostra gioia. Qui, nel giorno della festa del papà, facciamo un applauso ai papà in particolare.

… Le radici di Stanford e della Silicon Valley sono intrecciate. Siamo parte dello stesso ecosistema. Era vero quando Steve stava su questo palco 14 anni fa, è vero oggi e, presumibilmente, sarà vero ancora per un po’.

Alimentati da caffeina e codici, ottimismo e idealismo, convinzione e creatività, generazioni di laureati ( e ritirati) di Stanford hanno usato la tecnologia per rifare la nostra società. Ma penso che sarete d’accordo che, ultimamente, i risultati non sono stati puri e semplici.

Nei soli quattro anni in cui siete stati qui, le cose sembrano aver preso una brusca svolta. La crisi ha mitigato l’ottimismo. Le conseguenze hanno sfidato l’idealismo. E la realtà ha scosso la fede cieca.

Eppure siamo ancora tutti attirati qui. Per una buona ragione. I grandi sogni vivono qui, così come il genio e la passione per realizzarli. In un’epoca di cinismo, questo posto crede ancora che la capacità umana di risolvere i problemi sia illimitata.

Ma anche il nostro potenziale per crearli, a quanto pare.

E’ di questo che mi interessa parlare oggi. Perché se ho imparato una cosa, è che la tecnologia non cambia chi siamo, ingrandisce chi siamo, nel bene e nel male. I nostri problemi – nella tecnologia, nella politica, ovunque – sono problemi umani. Dal Giardino dell’eden a oggi, è la nostra umanità che ci ha messo in questo casino, ed è la nostra umanità che dovrà tirarci fuori.

Prima di tutto, ecco un semplice fatto: la Silicon Valley è responsabile di alcune delle invenzioni più rivoluzionarie della storia moderna. Dal primo oscillatore costruito nel garage della Hewlett- Packard agli iphone che so che state tenendo in mano. I social media, i video condivisibili, gli snap e le storie che collegano la metà delle persone sulla Terra. Tutte queste cose affondano le loro radici nel cortile di Stanford.

Ma ultimamente, sembra che questa industria stia diventando più nota per un’innovazione meno nobile: la convinzione che si possa rivendicare il merito senza accettare la responsabilità.

Lo vediamo ogni giorno ora, con ogni violazione dei dati, ogni violazione della privacy, ogni occhio chiuso per i discorsi di odio. Le fake news che avvelenano la nostra conversazione nazionale. La falsa promessa di miracoli in cambio di una sola goccia del vostro sangue. Troppi sembrano pensare che le buone intenzioni compensino i risultati dannosi.

Ma che vi piaccia o no, ciò che costruite e ciò che create definisce chi siete. Sembra un po’ folle che qualcuno debba dire questo. Ma se hai costruito una fabbrica di caos, non puoi evitare la responsabilità del caos. Prendersi la responsabilità significa avere il coraggio di pensare alle cose.

E ci sono pochi campi in cui questo è più importante della privacy.

Se accettiamo come normale e inevitabile che tutto nella nostra vita possa essere aggregato, venduto, o che addirittura trapeli all’esterno in caso di hacking, allora perdiamo molto più dei dati. Perdiamo la libertà di essere umani.

Pensate a cosa c’è in gioco. Tutto quello che scrivi, tutto quello che dici, ogni argomento di curiosità, ogni pensiero vagante, ogni acquisto impulsivo, ogni momento di frustrazione o debolezza, ogni lamentela o reclamo, ogni segreto condiviso. In un mondo senza privacy digitale, anche se non hai fatto nulla di male se non pensare diversamente, cominci a censurarti. Non completamente all’inizio. Solo un po’, a poco a poco. Cominci a rischiare meno, a sperare meno, a immaginare meno, a osare meno, a creare meno, a provare meno, a parlare meno, a pensare meno. L’effetto agghiacciante della sorveglianza digitale è profondo, e tocca tutto.

Che mondo piccolo e privo di immaginazione avremmo finito per avere. Non completamente all’inizio. Solo un po’, un po’ alla volta. Ironicamente, è il tipo di ambiente che avrebbe fermato la Silicon Valley prima ancora di iniziare.

Ci meritiamo di meglio. Voi meritate di meglio. Se crediamo che la libertà significhi un ambiente dove le grandi idee possono mettere radici, dove possono crescere ed essere nutrite senza paura di restrizioni o oneri irrazionali, allora è nostro dovere cambiare rotta, perché la vostra generazione dovrebbe avere la stessa libertà di plasmare il futuro della generazione che è venuta prima.

I laureati, come minimo, imparino da questi errori. Se volete prendervi il merito, prima imparate a prendervi la responsabilità.

Tim Cook a Firenze con Andrea Ceccherini, animatore dell’Osservatorio Giovani-Editori

Ora, molti di voi – la stragrande maggioranza – non si troveranno affatto nella tecnologia. Ed è giusto che sia così.

Abbiamo bisogno delle vostre menti al lavoro in lungo e in largo, perché le nostre sfide sono grandi, e non possono essere risolte da una singola industria.

Non importa dove andrete, non importa cosa farete, so che sarete ambiziosi. Non sareste qui oggi se non lo foste. Accompagnate però quell’ambizione con l’umiltà – un’umiltà di intenti.

Questo non significa essere più docili, essere più piccoli, essere meno in quello che fate. E’ l’opposto, si tratta di servire qualcosa di più grande. L’autrice Madeleine L’engle ha scritto: “L’umiltà è buttarsi in una concentrazione totale su qualcosa o qualcun altro”. In altre parole, qualsiasi cosa voi facciate nella vita, siate dei costruttori.

Non è necessario partire da zero per costruire qualcosa di monumentale. E, al contrario, i migliori fondatori – quelli le cui creazioni durano e la cui reputazione cresce piuttosto che ridursi con il passare del tempo – passano la maggior parte del loro tempo a costruire, pezzo per pezzo.

I costruttori sono a loro agio nella convinzione che il lavoro della loro vita sarà un giorno più grande di loro – più grande di qualsiasi persona. Sono consapevoli che i suoi effetti si estenderanno per generazioni. Questo non è un caso. In un certo senso, è l’intero punto.

Tra pochi giorni segneremo il 50° anniversario dei disordini di Stonewall (furono una serie di violenti scontri fra gruppi di omosessuali e la polizia a New York- ndr). Quando gli avventori dello Stonewall Inn si presentarono quella notte – persone di tutte le razze, gay e trans, giovani e vecchi – non avevano idea di ciò che la storia aveva in serbo per loro. Sarebbe sembrato sciocco sognarlo. Quando la porta fu sfondata dalla polizia, non fu il colpo di un’opportunità o la chiamata del destino. Era solo un altro caso in cui il mondo diceva loro che dovevano sentirsi inutili per essere diversi. Ma il gruppo riunito lì sentì qualcosa rafforzarsi in loro. La convinzione di meritare qualcosa di meglio delle ombre, e meglio dell’oblio. E se non glielo avessero dato, avrebbero dovuto costruirselo da soli.

Avevo otto anni ed ero a mille miglia di distanza quando è successo Stonewall. Non c’erano avvisi di notizie, non c’era modo che le foto diventassero virali, nessun meccanismo per un bambino della Costa del Golfo di sentire questi improbabili eroi raccontare le loro storie. Greenwich Village poteva benissimo essere un altro pianeta, anche se posso dirvi che gli insulti e gli odi erano gli stessi.

Quello che non avrei saputo, per molto tempo, era quello che dovevo a un gruppo di persone che non conoscevo in un posto dove non ero mai stato. Eppure non smetterò mai di essere grato per quello che hanno avuto il coraggio di costruire.

Laureati, essere un costruttore significa credere che non si può essere la più grande causa su questa terra, perché non si è costruiti per durare. Si tratta di fare pace con il fatto che non sarete lì per la fine della storia.

Questo mi porta al mio ultimo consiglio. Quattordici anni fa, Steve è salito su questo palco e ha detto ai vostri predecessori: “Il vostro tempo è limitato, quindi non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro”.

Ecco il mio corollario: “I vostri mentori possono lasciarvi preparati, ma non possono lasciarvi pronti”.

Quando Steve si ammalò, avevo legato il mio pensiero alla convinzione che sarebbe guarito. Non solo pensavo che avrebbe resistito, ma ero convinto, fin nel profondo, che avrebbe ancora guidato Apple molto tempo dopo che io non ci fossi più. Poi, un giorno, mi chiamò a casa sua e mi disse che non sarebbe stato così.

Anche allora, ero convinto che sarebbe rimasto come presidente. Che avrebbe fatto un passo indietro dal giorno per giorno, ma che sarebbe sempre stato lì come cassa di risonanza.

Ma non c’era motivo di crederlo. Non avrei mai dovuto pensarlo. I fatti erano tutti lì.

E quando se n’è andato, quando se n’è andato davvero, ho imparato la vera, viscerale differenza tra l’essere preparati e l’essere pronti.

E’ stata la cosa più solitaria che abbia mai provato in vita mia. Di un altro ordine di grandezza. E’ stato uno di quei momenti in cui puoi essere circondato da persone, eppure non le vedi, non le senti e nemmeno le percepisci. Ma potevo percepire le loro aspettative.

Quando la polvere si posò, tutto quello che sapevo era che avrei dovuto essere la migliore versione di me stesso che potevo essere.

Sapevo che se ti alzi dal letto ogni mattina e regoli il tuo orologio in base a ciò che gli altri si aspettano o pretendono, ti farà impazzire. Quindi quello che era vero allora è vero anche adesso. Non sprecate il vostro tempo vivendo la vita di qualcun altro. Non cercate di emulare le persone che sono venute prima di voi escludendo tutto il resto, contorcendovi in una forma che non vi sta bene. Richiede troppo sforzo mentale – sforzo che dovrebbe essere dedicato alla creazione e alla costruzione. Sprecherete tempo prezioso cercando di ricollegare ogni vostro pensiero.

Laureati, il fatto è che quando arriverà il vostro momento, e arriverà, non sarete mai pronti.

Ma non dovreste esserlo. Trovate la speranza nell’ina – spettato. Trovate il coraggio nella sfida. Trovate la vostra visione sulla strada solitaria. Non fatevi distrarre. Ci sono troppe persone che vogliono il merito senza responsabilità. Troppi che si presentano al taglio del nastro senza aver costruito nulla che valga la pena. Siate diversi. Lasciate qualcosa di degno.

Estratti del discorso di Tim Cook agli studenti dell’università di Stanford, California, pubblicato su Il Foglio Quotidiano